05 - 05 - 2013 Quinta giornata del Campionato di IBL2


 

Terza doppietta consecutiva per il Rimini Baseball che si porta via l’intera posta, battendo gli Athletics Bologna dimostrando ancora una volta una netta superiorità, soprattutto nel box di battuta, mantenendo però il solito tema della sofferenza in uno dei due incontri.

In gara uno un’ottima prova di Norri sul monte per 4.2 riprese, chiude le porte all’attacco avversario (0 punti, 0 valide, 0 basi ball, 5 strike out, ma stranamente 3 colpiti, figli probabilmente della tecnica nel box di battuta che vedeva gli avversari vicinissimi al piatto di casa base) dopo una partenza a fasi alterne di Ricci Masotti che mostrava qualche difficoltà a trovare l’area dello strike nonostante una buona velocità e varietà dei lanci. Il manager Heredia provvede alla sostituzione dopo 2.1 riprese affidando la palla a Norri, dandogli fiducia dopo la prova negativa di Castenaso; la sua fiducia viene ripagata con una prestazione decisamente sopra le righe.

All’ottavo Norri lascia il monte, con il Rimini in netto vantaggio grazie anche ad un attacco esplosivo (15 valide a 4 per i romagnoli), prima a Luca Di Raffaele e poi a Davide Gasperoni; i due pitcher seguono le orme del predecessore offrendo entrambi un’ottima prova concedendo soltanto una valida a testa ma lasciando a zero il tabellone anche negli due inning.

Questa volta ad offrire la dovuta suspense, anche se con una superiorità romagnola maggiore di quello che dicono le statistiche, è stato il secondo incontro che il Rimini riesce comunque a portare a casa per 2 a 1 tutto maturato nei primi tre inning.

  Prima partita

Questa la formazione partente del Rimini IBL2 nel primo incontro:

15/ss FABBRI; 62/2b PAPINI; 54/3b DI FABIO; 27/1b PANDOLFI S; 50/c CIT; 34/cf CELLI; 10/lf BACCELLI; 61/dh GALLUZZI S; 14/rf GALLUZZI E; 7/p RICCI

          

            Sequenza punteggio      R  H  E

Athletics    2 0 0 0 0 0 0 0 0      2   4  1

Rimini       0 1 3 6 0 0 0 1 X    11 15  0

La prestazione dei lanciatori:

Rimini Riviera      ip  h r er bb so wp bk hbp ibb ab  bf  fo go

RICCI M.         M. 2.1 2 2  2  5   1    1   0    0     0     8   14  4  2

NORRI             W 4.2 0 0  0  0   5    0   0    3     0    13  16  5  3

DI RAFFAELE      1.0 1 0  0  0   0    0   0    0     0     4    4   3  0

GASPERONI        1.0 1 0  0  1   1    0   0    0     0     4    5   1  1

Partente per il Rimini sale sul monte Amerigo Ricci Masotti, denotando però immediatamente qualche problema nella meccanica di lancio riuscendo con difficoltà a trovale l’area dello strike. Concede subito due basi ball ed una valida che vale il primo punto; poi per un lancio pazzo scorrono tutti avanti di una base, la volata di sacrificio di Venturi spinge a casa il secondo punto. Dopo la visita del pitching coach, Masotti riesce a ritrovare equilibrio sulla pedana e a chiudere il primo inning anche grazie alla propria difesa. Sul monte avversario una vecchia conoscenza, quel Francesco Nardi per diverse stagioni nelle file del Riccione prima e nella Franchigia Rimini – Riccione poi, mancino dalla palla difficile, quest’anno agli Athletics dopo due stagioni a Ponte di Piave sempre in A Federale, con ottimi risultati fino ad oggi. Ma come si sa i nostri ragazzi hanno una particolare predilezione a demolire gli ex, così come i presunti fenomeni. E così è stato anche per Nardi, salvatosi solo alla prima ripresa dopo aver concesso un singolo a Fabbri e una base a Simone Pandolfi.

 

Nel secondo inning lanciato, Masotti fa battere tre palle facili per l’attenta difesa nostrana chiudendo velocemente l’attacco bolognese. In attacco il Rimini accorcia le distanze con Baccelli che batte valido e in seguito raggiunge la seconda su palla persa, la terza su lancio pazzo e casa base su scelta della difesa che elimina Stefano Galluzzi in prima.

  

Masotti comincia il terzo inning con gli stesi problemi iniziali, concedendo due basi ball ed un corto singolo che riempie le basi; il manager Heredia procede alla sostituzione con Norri, vera bestia nera per gli Athletics da alcuni anni, o pedina importante nei loro successi in alcune manifestazioni in cui hanno avuto il pitcher riminese in prestito. Bastano due lanci, facendo battere in un doppio gioco eseguito alla perfezione per chiudere la ripresa. Dopo un primo giro di studio sul lanciatore avversario l’attacco del Rimini comincia la sua opera di demolizione: Fabbri va in prima per ball, Papini spara un singolo all’esterno destro, i due avanzano su scelta difesa che elimina Pandolfi; il singolo di Cit in mezzo agli esterni consente ai due veloci atleti riminesi di segnare i punti del sorpasso. Con due out Celli scarica un missile nell’angolo a destra che diventa un triplo portando a casa Cit per il punto del 4 a 2.

 

Nessuna nota per l’attacco bolognese che raggiunge le basi solo grazie a 3 colpiti ma mai oltre la seconda, nei seguenti quattro inning.

 

Il quarto attacco romagnolo risulta fatale per gli avversari: Enrico Galluzzi comincia con un singolo, seguito da Fabbri con un doppio, per il punto di Galluzzi; Papini altro singolo interno, base gratis a Di Fabio che riempie i cuscini. Stessa situazione come domenica scorsa a Castenaso e Pandolfi si ripete, legnata paurosa che si perde nel fiume per un grande slam che definisce la sostituzione di Nardi con Angelini. Ma i ragazzi riminesi non sono ancora sazi ed il nuovo lanciatore avversario viene accolto da un doppio di Cit, un singolo di Celli ed una volata di Baccelli che non viene trattenuta dall’esterno per il punto di Celli che vale il 10 a 2.

 

A questo punto il Rimini tira un po’ i remi in barca ed il manager prova altre soluzioni facendo entrare il giovane Cianci classe ’97 in terza e Luca Di Raffaele sul monte; entrambi si comportano benissimo non sbagliando nulla. Di Raffaele concede solo una valida ma ottiene anche tre veloci out tutti colti al volo dalla difesa.

 

Al settimo gli Athletics sostituiscono Angelini con Gerbi sul monte, ma l’attacco romagnolo non risparmia neppure lui; dopo una prima ripresa di studio, all’ottavo suona l’attacco prima Fabbri con un singolo, poi Di Fabio con un’altra valida ed infine Cit che con la terza valida manda a casa base Papini per il definitivo 11 a 2.

 

Ultimo inning che viene affidato a Davide Gasperoni sul monte; partito un pochino freddo forse viene toccato da un singolo e concede poi una base ball, ma si riprende subito con uno strike out e facendo battere altri due uomini per eliminazioni della difesa e chiudendo l’incontro.

 

Da segnalare nel box di battuta: Pierangelo Cit con 4 su 5, Lorenzo Fabbri con 2 su 3, Mattia Papini con 2 su 5 e Simone Pandolfi con 1 su 4 ma un grande slam da 4 punti battuti a casa.

 

Seconda partita

Questa la formazione partente del Rimini IBL2 nel primo incontro:

15/ss FABBRI; 62/2b PAPINI; 54/3b DI FABIO; 27/1b PANDOLFI S; 50/c CIT; 34/cf CELLI; 10/lf BACCELLI; 61/dh GALLUZZI S; 14/rf GALLUZZI E; 32/p CHERUBINI

            Sequenza punteggio      R  H  E

Athletics   1 0 0 0 0 0 0 0 0       1   5   1

Rimini      0 1 1 0 0 0 0 0 X       2   7   2

La prestazione dei lanciatori:

Rimini Riviera      ip  h r er bb so wp bk hbp ibb ab  bf  fo go

CHERUBINI     W 5.0 3 1  1  1   5   0    0    1     0   18  20  5   4

PEZZULLO           2.0 2 0  0  0   1   0    0    0     0     8   8   3   2

BIONDI              S 2.0 0 0  0  0   1   0    0    0     0     7   7  2   3

Nella seconda partita il Rimini si presentava con Tommaso Cherubini sul monte, che aveva una partenza sotto tono subendo tre valide ed un punto su scelta della difesa al primo turno; ma sarebbero anche stati gli unici elementi a favore degli Athletics. Dal secondo inning in poi avrebbero raggiunto la prima base solo due volte (1 colpito ed una base ball) con lo stesso Cherubini ed altre 3 volte con i suoi rilievi.

 

In attacco le mazze riminesi venivano addormentate dal lanciatore avversario riuscendo però a trovare il pareggio al secondo con Pandolfi che batte valido, seguito da Cit e arriva in terza grazie al sacrificio di Celli e poi a punto su scelta della difesa.

 

Al terzo i Pirati passano in vantaggio grazie ad un velocissimo Fabbri, che giunge in prima battendo un singolo, poi ruba in sequenza la seconda e la terza e segna su valida di Di Fabio il punto che avrebbe risolto l’incontro.

 

La partita dominata dai lanciatori non offre altro fino alla fine; al sesto un poco utilizzato in IBL1 Pezzullo sostituisce Cherubini, subendo due valide all’inizio del suo lavoro ma nulla di più. All’ottavo a sua volta viene sostituito da Biondi che riesce a portare a casa la salvezza della partita non concedendo nulla in assoluto.

 

Nel box di battuta da segnalare Marco Baccelli con 2 su 4.


HOME PAGE                              NEWS IBL2