13 - 10 - 2013 Brutta semifinale di Coppa Regione per i Ragazzi

I Ragazzi perdono entrambi gli incontri del concentramento di semifinale di Coppa Regione. Godo e Torre Pedrera Falcons, complice il regolamento che impone limitazioni importanti nella gestione dei Lanciatori, si rivelano squadre forti, ma abbordabili, ma i nostri non sanno approfittare delle occasioni che gli si presentano, e con un attacco inconsistente e una difesa eccessivamente fallosa la Stagione 2013 si conclude non come avrebbe potuto..  

Nel terzo incontro della Giornata i Falcons hanno la meglio sul Godo battendoli 7-2, e la squadra di Rivabella accede così alle finali che, tempo permettendo, avranno luogo domenica prossima.


Gara 1 - GODO

Questa la formazione partente del Rimini Riviera:

7 Mariani 0/2, 4 Pini 0/1 (Insigne), 6 Cianci 0/2, 2 Frisoni 0/2, 8 Fabbri 0/3,

3 Baldini 2/3, 1 Pedrazzi 0/2, 5 Panzetta 0/2, 9 Crescentini 0/2

 

       Sequenza punteggio                     R   V  E

       Rimini Riviera         0 0 0 1 0 1    2   2    6

       Godo                         4 0 2 0 2 0    8   8    0 

       Prestazione Lanciatori:   RL K V BB C PGL*

       PEDRAZZI Davide         3.0  1  4    4   0    2

       PANZETTA Pietro          2.0  1  3   1   0    0

       FRISONI Umberto          1.0  0  1   0   0    0

 

Nei primi tre inning, in attacco, non vediamo palla e subiamo 4K. Chi tocca non esce dal diamante e i deboli colpi non impensieriscono la difesa, e chi resta al piatto lo fa guardando i lanci, peraltro forti e precisi, del bravo partente avversario. In difesa sul monte Pedrazzi non brilla, ma neanche viene aiutato dai compagni. Nella prima ripresa due errori precedono la prima eliminazione al volo da parte del ricevitore Frisoni che riesce a prendere un alto pop alzato sulla sua posizione, quindi le basi ball e i lanci pazzi prendono il sopravvento ed entrano 4 punti con una valida. La seconda ripresa va decisamente meglio con due eliminazioni in prima e uno strike out (3 uomini, 3 out). Nella terza ripresa è la volta delle valide: i Goti segnano 2 punti con 3 valide di cui un doppio).

L'occasione di rimonta si presenta con il cambio dei Lanciatori: il rilievo dei Goti è tutt'altro che incisivo, ma nei nostri scatta la corsa alla base ball, e chi non è preso dalla "malattia" gira con troppa foga finendo spesso fuori tempo o toccando male. Nelle successive tre riprese segnamo solo 2 punti lasciando innumerevoli corridori in base, e solo la voce di Baldini esce dal coro battendo le uniche due valide della partita. In difesa sale Panzetta sul monte e anche nelle sue due riprese la difesa si rende involontaria protagonista con addirittura quattro errori. In questa seconda parte di partita è il Godo a non concretizzare, e pur toccando anche tre valide riesce a segnare solo altri due punti.

Nell'ultima ripresa, utile unicamente al fine della differenza punti, in attacco ne segnamo uno, mentre in difesa Frisoni prende il posto di Panzetta e riesce a tenere a 0 gli avversari grazie ai compagni in diamante che si prendono carico di tutte le eliminazioni. 


Gara 2 - TORRE PEDRERA FALCONS

Questa la formazione partente del Rimini Riviera:

9 Mariani 1/2, 1 Cianci 1/3, 6 Frisoni 0/1, 8 Fabbri 1/3, 3 Baldini 0/3,

5 Pedrazzi 0/2 (Crescentini 1bb), 4 Panzetta 1/3, 7 Insigne 0/2, 2 Pini 0/3

       Sequenza punteggio                     R   V  E

       TP Falcons               1 3 1 0 0 1    6    8   1

       Rimini Riviera         0 1 0 0 1 0    2    4   3 

       Prestazione Lanciatori:   RL K V BB C PGL*

       CIANCI Enrico                3.0  1  4    4   0    1

       MARIANI Riccardo        3.0  1  3    1   0    0

 

La partita è più equilibrata della prima, ma come nel primo incontro la differenza la fanno, purtroppo, gli errori in difesa e gli strike guardati.

Il partente è Cianci con Pini a ricevere. Il primo battitore avversario batte valido, e nonostante i successivi tre uomini vengano eliminati riesce a chiudere il giro per il punto del vantaggio. In attacco subiamo 2 strike out e solo Frisoni riesce ad arrivare in base grazie ad una base ball. Nella seconda ripresa la nostra difesa commette due errori che, uniti alle due valide concesse, ci costano tre punti. In attacco, nonostante siano sette gli uomini che passano dal box (da segnalare il doppio di Panzetta), riusciamo a segnare un solo punto terminando la ripresa a basi piene e con l'ennesimo strike out. Nella terza ripresa la difesa permette per la seconda volta all'unico uomo andato in base (valida) di segnare: sulla rubata della seconda si innesca un flipper che coinvolge addirittura cinque nostri difensori per tre assistenze sbagliate e l'inevitabile arriva puntuale. In attacco niente di nuovo, purtroppo, se non che per una volta tutte e tre le eliminazioni vengono affettuate dalla difesa (almeno ci si prova, insomma) e che Fabbri batte un singolo.

Seconda parte della partita ed è un "quasi risveglio" che però non si rivelerà sufficiente a ribaltare il risultato. Sul monte sale Mariani. Il suo caricamento pieno di energia che però produce palle che raggiungono il piatto parabolando con (infinita) calma si rivela ancora una volta di una efficacia inattesa: le mazze avversarie finiscono spesso fuori tempo girando in anticipo e per Riccardo arrivano addirittura quattro strike out. Arrivano anche la toccate (quattro di cui un doppio), ma anche diverse rimbalzanti che la nostra difesa, questa volta attenta e precisa, sfrutta sempre al meglio. Per Mariani un solo punto subito in tre riprese e per Panzetta, spostato dalla terza alla seconda, un'ottima prestazione con due out al volo, ma soprattutto due stop sicuri a due insidiose rimbalzanti che se non fermate sarebbero senz'altro state classificate comunque come valide. In attacco subiamo al quarto tre strike out consecutivi; Nel quinto Mariani parte alla grande con un doppio, seguito da Cianci con un singolo. Frisoni batte una volata di sacrificio sulla linea del foul di prima e Riccardo segna, ma i fuochi si esauriscono qui, con due out consecutivi in prima e un nulla di fatto al sesto, turno giocato a risultato acquisito, ma necessario per la determinazione della differenza punti. 


*PGL: sono i Punti Guadagnati sul Lanciatore. In sintesi possono essere considerati i punti subiti dalla squadra se la difesa avesse giocato senza commettere errori. Nella seconda partita anche il primo punto segnato dal Rimini Riviera non è PGL.



HOME PAGE                              NEWS RAGAZZI