02 - 10 - 2011 Play-Off semifinali

I nostri ragazzi non riescono a superare l'arduo scoglio del Nettuno

E’ una sconfitta che brucia quella che la Pretelli incassa allo “Steno Borghese” di Nettuno. La formazione guidata da Gilberto Zucconi si è dovuta inchinare ai padroni di casa con uno strettissimo 6-5, frutto della rimonta laziale culminata con i tre punti messi a segno nell’ultimo attacco. Fino a quel momento erano stati i neroarancio a condurre, trovando un immediato vantaggio (3-0 subito in apertura) e continuando poi sino a quel fatale nono inning. Ai Pirati non è bastata l’ottima prestazione in pedana di Alessandro Norri (rl 7.0, bvc 7, bb 5, so 4, pgl 0), con la sconfitta che è andata a Di Peppo, salito sul monte nelle ultime due riprese ma costretto a subire i due punti decisivi su un errore difensivo. In un box autore di sette valide, i migliori sono stati Papini (3/4) e Di Fabio (2/4). Per la squadra under 21 della franchigia riminese è arrivato un altro ko beffardo dopo quello subìto lo scorso anno sempre in semifinale e sempre ad opera del Nettuno. 

Nell'altra semifinale, giocata ieri, 1° Ottobre, il Junior Parma BC Banca Monte Parma batte 9 - 0 l'ASD Avigliana Bees.

Da rimarcare un fatto: che sia un incontro secco a decretare un accesso alla finale per il campionato è sicuramente sbagliato. Se è accettabile che possa bastare un errore o una valida di differenza per determinare l'esito di una partita, un approdo in Finale deve esigere prove più concrete per determinare la Squadra più meritevole.

La cronaca

La Pretelli mette il muso avanti subito al primo attacco, con Filippo Pari che riceve quattro ball da Andreozzi e viene spinto a casa dalle valide consecutive di Di Fabio e Papini (1-0). Un errore difensivo e le basi a Babini e Carola significano quindi 3-0. La replica nettunese giunge una ripresa più tardi, quando Norri concede quattro ball a Mercuri e incassa la valida di Trinci, sulla quale è però determinate un’ingenuità difensiva (3-1). Un altro errore, questa volta su D’Auria, vale poi anche il 3-2. Un inning di pausa e Pirati che allungano al quarto, quando il singolo di Papini e il doppio a destra di Celli valgono il 4-2. I riminesi tornano a colpire due riprese più tardi, quando il neo entrato Simone regala la base a Filippo Pari e deve piegare le ginocchia di fronte alle valide di Di Fabio, del solito Papini e di Cit (5-2). Sul fronte opposto, invece, dopo aver tenuto a bada l’attacco di casa per sei inning, al settimo Norri non può evitare il punto del 5-3, figlio dei singoli consecutivi di Grimaudo e Simone, puntuali nel punire subito l’iniziale errore su Sellaroli. Si arriva così all’ultimo inning, con il Nettuno che riesce a piazzare la zampata decisiva: tutto comincia dal colpito di Di Peppo su Caradonna, con il rilievo riminese che lascia poi Sellaroli al piatto prima di concedere quattro ball a Grimaudo. Il singolo di Simone significa quindi 5-4, mentre Mercuri viene colpito, caricando così le basi. Sulla successiva battuta in diamante di Trinci, Di Fabio ottiene l’out in seconda ma Papini, nel tentativo di chiudere il doppio gioco, sbaglia il tiro in prima base (5-5). Nella medesima azione, Federico Pari assiste a casa base per eliminare Simone: per la Pretelli è out, per gli arbitri, al contrario, il giocatore nettunese è salvo, con i padroni di casa che possono festeggiare l’ingresso in finale.

 

Pretelli   300 101 000 = 5 bv 7 e 5

Nettuno  020 000 103 = 6 bv 9 e 3

 

ATTACCO: Filippo Pari ec (0/2), Di Fabio ss (2/4), Papini 2b (3/4), Celli es (1/5), Cit r (1/3), Babini ed (0/4), Federico Pari 1b (0/4), Carola (Pellegrini 0/1) dh (0/3), Lorenzo Di Raffaele 3b (0/4).

LANCIATORI: Norri rl 7.0, bvc 7, bb 5, so 4, pgl 0; Di Peppo (L) rl 1.2, bvc 2, bb 1, so 2, pgl 1.

"L'altra Parrocchia" da lionsnettuno.com

La squadra Under 21 del Nettuno Elite vola in finale battendo il Rimini al photofinish. È stata una partenza ad handicap, quella di oggi, per i ragazzi di Catanzani, che andavano subito sotto nel punteggio al primo inning di gioco, 3-0, a causa del non felicissimo approccio alla partita del lanciatore partente Andreozzi, non sostenuto a dovere dalla difesa. Nel secondo inning i nettunesi si rifacevano sotto, segnando due punti, e non sfruttando fino in fondo alcune situazioni di gioco che avrebbero potuto produrre più segnature. La parte centrale filava via senza grossi scossoni, con altri due punti per il Rimini ed uno per il Nettuno, ed è stata caratterizzata dal cambio sul monte di lancio di Andreozzi, sostituito da Simone, il quale riusciva ad entrare con continuità nella zona di strike, trasmettendo più sicurezza a tutta la difesa. Si arrivava, dunque, al nono inning con il Rimini in vantaggio 5-3. Ma l’ultimo attacco del Nettuno risultava letale per i romagnoli: una gran linea sulla seconda base di Simone permetteva di accorciare le distanze; poi, su una situazione di basi piene e un out, una rimbalzante interna di Trinci faceva entrare dapprima il pareggio, e sul proseguimento dell’azione i nostri ragazzi operavano il definitivo sorpasso, chiudendo la gara sul 6-5. Quindi, Nettuno meritatamente in finale, in una partita dominata in attacco con undici valide prodotte, contro le cinque dei riminesi, ma che è stato sempre sotto nel punteggio fino alla fine, a causa dei troppi errori commessi, cinque in totale, e delle situazioni favorevoli mal gestite in attacco; grande, però, la reazione finale, che ha chiuso nel migliore dei modi una partita molto avvincente. (Roberto Minnocci e Giovanni Colantuono)