26 - 02 - 2012 Torneo Giovani Marmotte UNDER 11

“…siamo più che certi che nel prossimo turno, complici avversari meno impossibili e due mesi di tempo a disposizione la squadra saprà giocarsela, e non è escluso che possano arrivare delle vittorie…”

 

Terminava così l’articolo che scrivemmo a dicembre a commento della prima giornata del Torneo Giovani Marmotte. Al proposito ci fu chi parlò di pillole addolcite, alcuni non parlarono proprio, fra molti genitori dei ragazzi appena arrivati la perplessità era tangibile…

La giornata di oggi, conclusasi con due vittorie su tre incontri disputati, speriamo abbia fugato qualsiasi dubbio su come lo Staff tecnico e la Società intendono lavorare con i Ragazzi più giovani e i piccoli (oggi Grandi) del Minibaseball. Intendiamoci, abbiamo solo imboccato uno svincolo, in autostrada dobbiamo ancora entrare e non parliamo neanche di a che ora si arriverà, per cui finita la baldoria da lunedì tutti di nuovo in palestra ad allenarsi e soprattutto a dar retta a ciò che dice il nostro allenatore Lorenzo Santarini, il primo a credere al “riscatto” di oggi.

Garauno vs S.Marino Hornets

La squadra entra in campo con una grinta e voglia di vincere impensata. Tutto riesce bene: prese al volo, assistenze, recuperi folgoranti degli esterni… Battute secche e lunghe dei ragazzi più esperti e qualche errore di troppo della difesa avversaria sulle battute interne dei più piccoli fan sì che sin dall’inizio si passa in vantaggio di qualche punto. Il vantaggio si concretizza sempre più con il passare delle riprese: il nostro diamante gioca bene, non sbaglia e la vittoria giunge naturale. 13 a 8 il risultato finale.

 

Garadue vs Rimini ‘86

La mancanza di esperienza degli avversari si fa sentire. Ricordiamo che questo è il primo anno in cui il Rimini ’86 organizza un settore giovanile per cui, a prescindere dall’età dei giocatori, sono tutti veramente agli esordi. Tra le due compagini c’è una spanna di differenza fra le altezze medie, ma il Rimini non si lascia intimidire, batte veramente forte e soprattutto mantiene alto il profilo in difesa. Le posizioni chiave sono affidate ai ragazzi più esperti e da lì letteralmente “non si passa”, gli esterni quando c’è bisogno corrono e rimettono la palla in gioco con una forza e precisione a volte “inquietante” (merito forse dell'Ingrediente Segreto contenuto nella torta offerta come merenda dalla famiglia Tufano?). Una su tutte l’azione del piccolo Francesco Selva, classe 2005 che ha iniziato quest’anno, che dalla posizione di esterno destro e praticamente sulla linea di fondocampo, assiste perfettamente in seconda con un lancio tale da trasformare un classico doppio in una clamorosa eliminazione da moviola che scatena applausi prolungati anche da parte del pubblico “avversario”.

Alla fine per il Rimini è l’en plein (24 punti segnati sui 24 segnabili) contro i 5 di un Rimini 86 che nei prossimi tornei siamo certi saprà fare molto meglio.

Garatre vs TP Falcons “esordienti”

L’avversario è forte e questa volta sono loro a fare la partita. I nostri più piccoli sono veramente stanchi e le loro battute diventano facile preda del diamante avversario. I grandi fanno il loro dovere, ma non è sufficiente: in tutte le riprese arriva il terzo eliminato sempre con basi cariche. In difesa questa volta sono i nostri ragazzi più grandi ad essere “alla frutta”, gli errori di testa e di braccio sono numerosi e gli avversari battono pure forte e lungo. I Falcons vincono meritatamente. Per il Rimini il rammarico che senz’altro si sarebbe potuto perdere di misura anziché nella maniera marcata (10-17 al termine), ma comunque va bene così: dare il massimo per oltre tre ore è impossibile per i Seniores, figuriamoci per dei ragazzini: ricordiamo che anche nei confronti dei Falcons siamo creditori di una spanna di altezza e mediamente di un anno di esperienza, per cui si è trattato sì di una sconfitta, ma con onore.

Le due vittorie di oggi ci permetteranno, fra due settimane, di giocare la finale per il terzo posto. Al momento non sappiamo chi incontreremo, ma come suol dirsi tra gli Eroi dell’Honduras: “Rispetto per tutti, paura di nessuno!”

 

Stefano Pedrazzi


HOME PAGE                   RAGAZZI                 ARCHIVIO 2012