23 - 02 - 2014 WL Ragazzi - Il Gruppo perde, ma la giornata non è negativa

 

Dopo il primo posto nel girone di qualificazione, per il Rimini Riviera oggi una deludente Semifinale contro il S.Marino. Un Rimini irriconoscibile non riesce minimamente a contrastare un avversario invece sempre pronto ad approfittare delle indecisioni dei Piratini. Gli errori di guanto e di testa uniti ad un attacco inconsistente non lasciano scampo ai nostri che perdono 0-4.

Nella finalina 3°- 4° posto contro il Minerbio (a sua volta uscito sconfitto dalla semifinale contro la Fortitudo Bologna) il Manager Giovanelli antepone saggiamente l’occasione di incrementare l’esperienza dei lanciatori che hanno meno occasioni di salire sul monte rispetto alla ricerca di un possibile terzo posto. Ne esce una partita avvincente e divertente che vede il Minerbio, meritatamente, sopravanzarci di un punto (7-6 il risultato finale). Nella finale 1°- 2° posto, partita senza storia che vede la Fortitudo battere nettamente il S.Marino 8-0.

La giornata, tuttavia, non è da dimenticare, infatti i Piratini mettono a segno l'en plein nei premi individuali! Davide Pedrazzi vince il trofeo di Miglior Lanciatore del torneo (15 strike out e un punto PGL in 6 riprese giocate) e Francesco Ridolfi, ex aequo con Alessandro Cantelli del S.Lazzaro, quello di Miglior Battitore (3 valide su 6 turni validi). La classifica è stata stilata sulle prime tre partite di ogni girone, essendo le quarte "sbilanciate" vista la particolarità del calendario.


Per completezza di informazione e considerando che la partite successive alla prima fase sono sempre più impegnative, Davide Pedrazzi, in 6 incontri, ha lanciato per 12 riprese, collezionando 29 Strike Out (su 36 eliminazioni teoriche possibili), concedendo 4 punti PGL e la miseria di 3 valide (e 9 basi ball, queste un po' troppe, ndr), mentre Francesco Ridolfi ha chiuso il Torneo con 5 valide su 11 turni validi (454 di media battuta). Sempre in battuta Filippini chiude 2/4 mancando due incontri e Pini 3/6 con un fuoricampo. Per finire, la conferma di Cianci (7rl 13k) e gli esordi sul monte di Fabbri (5rl 7k), Cortesi (1rl 1k) e Filippini (1rl 2k), che in soli due mesi di allenamento specifico lasciano ben sperare in una "panchina", oltre che lunga, efficace.

 

Semifinale: Rimini Riviera vs S.Marino

Questa la formazione partente del Rimini Riviera:

4 Cortesi (0/2), 5 Giovanelli (0/2), 6 Cianci (1/2), 7 Fabbri (0/2), 1 Pedrazzi (0/2),

8 Ridolfi F. (0/1), 2 Pini (0/1), 3 Filippini (0/0 interferenza), 9 Bruno (0/1)

       Sequenza punteggio                  R   V   E

       S.Marino                0 0 2 0 2      4    6   0

       Rimini Riviera      0 0 0 0 0       0    1   4 

       Prestazione Lanciatori:   RL K V BB C

       PEDRAZZI Davide         2.0  6  1   0   0

       CIANCI Enrico                2.0  3  2   0   0

       FABBRI Matteo               1.0  1  3   0  0

Prima ripresa. Partente Pedrazzi, ricevitore Pini. Il primo battitore giunge un seconda base su errore, poi però Pedrazzi ci mette una pezza mandando strike out i tre battitori successivi. In attacco Cortesi va in base su ball, quindi ruba la seconda. Su una successiva distrazione difensica giunge in terza, prosegue verso casa base, ma viene toccato sulla scivolata. Giovanelli e Fabbri finiscono strike out

Seconda ripresa. Pedrazzi concede un singolo, ma poi, come nella prima ripresa, infila tre strike out consecutivi. In attacco Pedrazzi va in base su ball, quindi Ridolfi F. viene eliminato al piatto. Con Pini nel box Pedrazzi viene eliminato su un tentativo di rubata, poi anche Pini deve arrendersi al lanciatore sammarinese.

Terza ripresa. Cianci subentra a Pedrazzi. Il primo battitore tocca un singolo, quindi ruba la seconda. Un nuovo errore difensivo e si riempiono gli angoli del diamante. Lancio pazzo, doppia rubata ed entra il primo punto per gli avversari. Seconda valida che porta a casa il secondo punto per i Titani. Il primo out avviene su assistenza 1-3, poi uno strike out e nuovamente un gioco difensivo pongono fine alla parte alta dell'inning. In attacco Filippini va in base per interferenza del ricevitore, Bruno viene eliminato al volo, Cortesi guarda il terzo strike e Giovanelli viene eliminato, sempre al volo, dal prima base.


Quarta ripresa. Cianci manda strike out il numero 5 del lijneup avversario, poi partecipa all'assistenza che elimina in prima il secondo battitore, quindi un nuovo strike out. In attacco Cianci viene eliminato in prima, Fabbri subisce uno strike out e anche Pedrazzi, pur toccando, non supera il lanciatore e viene eliminato in prima.

Quinta ripresa. Fabbri prende il posto di Cianci sul monte. Il primo battitore tocca una palla che fosse stato un bunt sarebbe stato meno efficace: Pini raccoglie e a corridore praticamente sul cuscino tira in prima (valida); il lancio è alto, scavalca il compagno e permette al corridore sanmarinese di riprendere la corsa sino alla seconda. Su un successivo lancio pazzo il corridore arriva in terza. Battuta fotocopia della precedente: nuova toccata che arrota la palla che si ferma a tre metri da casa base. Questa volta è Cianci che raccoglie, e si ripete la scena precedente, con in più un punto che entra. Fabbri manda strike out un avversario. Il corridore in seconda ruba la terza, quindi il battitore seguente tocca nuovamente un singolo ed entra il secondo punto. Siamo sotto di 4 punti, rimontare è impossibile e la partita termina anzitempo.

 

Finale 3°- 4° posto: Minerbio vs Rimini Riviera

Questa la formazione partente del Rimini Riviera:

4 Ridolfi N. (0/3), 8 Giovanelli (0/2), 6 Cianci (0/3), 5 Pedrazzi (0/2), 1 Fabbri (1/1),

7 Pini (1/1 doppio), 2 Cortesi (0/2), 9 Filippini (1/2 doppio), 3 Ridolfi F. (1/3 doppio)

       Sequenza punteggio                  R   V   E

       Rimini Riviera       0 3 0 3 0      6    7   0

       Minerbio                3 3 0 1 x      7    5    1 

       Prestazione Lanciatori:   RL K V BB C

       FABBRI Matteo              1.0   1  1   5   1

       CORTESI Yuri                1.0  1  2   3   0

       PEDRAZZI Davide         2.0  5  2   0   0

Prima ripresa. In attacco Ridolfi N. viene eliminato al piatto, Giovanelli va in base su ball, ma viene eliminato in seconda per scelta difesa con Cianci che arriva salvo in prima. Pedrazzi tocca debole, il lanciatore raccoglie assiste in prima per la terza eliminazione. In difesa è Fabbri il partente. I primi tre uomini del Minerbio ricevono base ball, poi arriva il primo strike out. Sul quinto uomo del line up, un lancio pazzo fa avanzare tutti i corridori di una base ed entra il primo punto, poi le basi si riempiono nuovamente per la concessione di un'altra base ball. Il battitore successivo tocca debolissimo, Cortesi ricevitore raccoglie ed elimina il corridore che, forzato, arrivava dalla terza base. Il nuovo battittore viene colpito ed esntra automatico il secondo punto. Altra base ball e anche il terzio punto entra senza corsa.

Seconda ripresa. Fabbri batte un singolo, seguito da Pini che in base ci arriva grazie ad una base ball. Con Cortesi nel box i due rubano una base, poi Yuri termina strike out. Filippini è nel box. Lancio pazzo e Pini segna il primo punto, poi Giuseppe tocca in diamante giungendo salvo in prima su errore di presa del prima base mentre Pini segna il secondo punto. Ridolfi F. batte un singolo, quindi lo segue il fratello Nicola che arriva salvo su nuovo errore del Minerbio mentre Filippini segna il terzo punto. In difesa Cortesi prende il posto di Fabbri sul monte mentre Pini passa a ricevere. Il primo battitore riceve base ball, mentre il secondo viene eliminato al volo da un bravo Giovanelli che afferra la palla saltando. Nuova base ball e nuovo singolo. Arriva ancora una base ball e il punto entra automaticamente. Lancio pazzo, basi rubate e secondo punto. Il nuovo battitore viene eliminato al piatto. Due out: gioco facile. Il battitore avversario ci facilita le cose, toccando debole su Cortesi che raccoglie. Yuri non realizza che basta assistere in prima, e distratto dal corridore che tenta di arrivare a casa  tira a casa base. Anche Pini perde lucidità, non realizza che il gioco non è obbligato e si limita a toccare il piatto, poi assiste in prima per un ipotetico doppio gioco, che però non riesce dunque il corridore del Minerbio arriva salvo a casa base e sono altri tre punti.

Terza ripresa. Giovanelli viene eliminato al piatto, Cianci da un'assistenza 4-3 e Pedrazzi lo segue, ma per la via 1-3. In difesa Pedrazzi sostituisce Cortesi, e sono tre strike out consecutivi.

Quarta ripresa. Fabbri va in base su ball. Pini tocca un doppio e spinge Matteo in terza. Cortesi finisce strike out. Doppio anche per Filippini, ed entrano due punti! NUOVO DOPPIO, questa volta di Ridolfi F. che permette la marcatura del notro terzo punto. Come per il lanciatore del Minerbio, anche per Pedrazzi non sarà un inning facile: il primo battitore viene eliminato al volo dal nostro esterno destro, il secondo invece spara un triplo nell'angolo più remoto della palestra. Arriva il primo strike out, ma poi un altro doppio porta a casa il punto per il Minerbio. Un successivo strike out mette fine all'inning.


Quinta ripresa. Ridolfi N. tocca verso il seconda base che assiste tranquillamente in prima. Lo segue Giovanelli, anche lui out in prima dal lanciatore. Cianci spara una gran botta, ma il bravo esterno centro avversario spegne le nostre speranze di rimonta con una bella eliminazione al volo, e l'incontro ha fine.


 

La Cerimonia di premiazione


 

L'opinione della Società

Oltre ad esprimere logica soddisfazione per i risultati individuali conseguiti (e non solo riferiti agli atleti che hanno vinto i premi di categoria), la Società vuole ringraziare Cristian Giovanelli e Dodo Uberti per l'impegno che costantemente mettono nel loro lavoro di Allenatori e naturalmente l'intero gruppo dei Ragazzi A per il risultato ottenuto in campo.

Al di là dell'esito negativo di UNA partita delle SEI giocate in questo "Campionato invernale" (cosa affatto disonorevole), i Ragazzi stanno dimostrando una crescita importante, tanto da aver già superato nei risultati la squadra Ragazzi A dello scorso anno, e questo nonostante un roster che si sarebbe potuto definire (ma a conti fatti non è assolutamente così) di "fortuna", viste le defezioni di inizio stagione di alcuni titolari che hanno reso necessario attingere dal gruppo Ragazzi B al fine di poter schierare una squadra in campo senza dover sperare ogni volta che la buona sorte preservasse dagli imprevisti i nove giocatori disponibili.

L'inizio è dunque promettente. Sta ora a tutti VOI (Allenatori, Giocatori, Famiglie) far sì che la massima "chi ben comincia è a metà dell'opera" venga confermata nella sua saggia verità. Buon lavoro a tutti!


HOME PAGE                            TUTTE LE NEWS                           NEWS RAGAZZI A